top of page

INTERNO CON Martha | rifermentato in bottiglia

set table #4

a cura di Laura Riolfatto



Martha è una garganega con le bollicine, pensata come vino polemico, una vaga opposizione al prosecco imperante in un momento in cui aveva l’esclusiva quasi ovunque in Veneto. Siamo nei Colli Euganei in provincia di Padova, precisamente a Valnogaredo, e l’azienda Marco Sambin da quasi vent’anni produce vini biologici, seguendo la filosofia biodinamica e naturale. Questo vino è stato fortemente voluto dal Sig. Marco e sono passate diverse sperimentazioni e anche fallimenti, prima di raggiungere i risultati odierni. Martha è un vino che si può definire di carattere, ha una leggera effervescenza, definita petillante, ed è decisamente articolato e intenso.

Si presenta con un bel giallo carico con riflessi dorati, profumi avvolgenti di ginestra, agrumi canditi, salvia e note di lieviti e panificazione, è sapido, persistente e presenta una bollicina cremosa e avvolgente.



Martha è un vino che può essere abbinato a diverse tipologie di piatti, per la sua leggera effervescenza ho provato l'annata 2019 con piccoli sandwich e crostini vegetariani. Ho preparato per un aperitivo in casa dei crostini di pane di segale con un cremoso formaggio caprino e miele, semi di zucca e paprika dolce, oltre a dei mini sandwich sempre con pane di segale, zucca al forno, ricotta di capra, misticanza, rosmarino e pepe rosa. Deliziosi questi finger food vegetariani, delicati, ma al tempo stesso persistenti, hanno lasciato in bocca una bella cremosità data dalla zucca e dal caprino, con un gusto comunque strutturato, il pane di segale poi è aromatico e una buona bollicina, avvolgente e sapida come Martha, ha bilanciato tutto e pulito la bocca. Un buon contrasto tra durezze e morbidezze che è sempre vincente.



La raccolta delle uve, per la produzione di Martha, avviene manualmente e in anticipo alla completa maturazione per favorire l'acidità e le durezze del vino, il mosto rimane a contatto con le bucce per 3 giorni, questo per estrarre più sostanze possibili e dare una maggiore complessità al vino. La fermentazione, senza aggiunta di solforosa e solo con lieviti indigeni, prosegue senza bucce e dopo un travaso veloce il vino rimane a contatto con i lieviti fino a primavera. Viene poi addizionato con mosto passito di garganega e messo in bottiglia dove parte una lenta presa di spuma che porterà alla formazione di una fine e petillante bollicine.


La complessità di questo rifermentato deriva proprio dalla breve macerazione, infatti è un rifermentato piuttosto avvolgente e persistente, da abbinare comunque con piatti mediamente strutturati e con un buona cremosità.


L'azienda di Marco Sambin produce ben 4 tipologie di garganega, se desiderate avere qualche altra informazione potete leggere i miei post nelle STORIE | stories.





|||||||||||||||||||||||||


Marco Sambin |

Valnogaredo di Cinto Euganeo Padova


Martha |

Trevenezie IGT

vino biologico | macerato sulle bucce e rifermentato in bottiglia

10,5 %VOL | 2019

100% garganega



Comentarios


bottom of page